Immigrazione poco visibile nei tg e nei giornali, ma resta il dangerous speech

Vi proponiamo un interessante articolo pubblicato sul sito dell’associazione Carta di Roma in cui si mette in evidenza come la narrazione del fenomeno migratorio che viene fatta dai TG, pur non ricorrendo al linguaggio d’odio, contribuisca a rafforzare gli stereotipi nei confronti dei migranti, degli immigrati e dei rifugiati

Primo piano di un barcone strapieno di migranti nel mare mosso

Immigrazione poco visibile nei tg e nei giornali, ma resta il dangerous speech

Focus di Paola Barretta per Barometro dell’odio: intolleranza pandemica

Nel corso del 2020, a seguito della diffusione dell’epidemia SARS-CoV-2, la trattazione dell’immigrazione subisce una significativa riduzione di attenzione. Nonostante il calo permangono alcuni frame allarmistici e, in alcuni casi, denigratori associati principalmente a due aree: gli arrivi via mare e la diffusione del virus. Durante il 2020 sono stati pubblicati 6.402 titoli dalle testate esaminate (108 tra quotidiani e riviste). Un numero ingente che conferma l’elevata attenzione dei media italiani sul tema migranti. Se si considera che nel medesimo periodo, secondo i dati del cruscotto statistico del ministero dell’Interno, sono sbarcate in Italia 27.203 persone, significa che è stato pubblicato in media un titolo ogni circa quattro persone arrivate via mare sul territorio italiano.

Nella mappatura sui media svolta dall’Osservatorio di Pavia per l’VIII Rapporto Carta di Roma “Notizie di transito” emergono due aree di criticità che costituiscono il terreno su cui è possibile propagare discorsi discriminatori e di odio. Sebbene nei media analizzati (telegiornali del prime time delle sette reti generaliste) e stampa (locale e nazionale) non sia possibile parlare di hate speech in senso stretto (sulla rappresentazione del fenomeno migratorio nei media), è stata rilevata comunque la permanenza di alcuni contenuti allarmistici che si potrebbero definire di dangerous speech. Uno è legato alla rappresentazione e al racconto degli stranieri come minaccia dell’invasione, l’altro alla rappresentazione di migranti, immigrati e rifugiati come minaccia di diffusione di malattie.

I riferimenti all’invasione si associano a: «emergenza immigrazione», «emergenza mondiale», «emergenza sbarchi», «emergenza Lampedusa», «emergenza» «emergenza umanitaria». Il linguaggio adoperato nella cronaca degli arrivi assume toni epocali sia in relazione all’entità del flusso migratorio («sbarchi in massa», «migliaia i disperati in fuga», «maxisbarco») sia in relazione alle conseguenze utilizzano termini di gergo bellico come «bomba», «esplodere», «scoppiare», «trincea», «guerra», dando origine ad associazioni semantiche angoscianti («bomba Africa», «bomba profughi», «bomba sanitaria», «Lampedusa scoppia», «scoppia il caos», «guerra dei migranti», «guerra navale», «guerra del mare»).

L’altra cornice emergenziale è legata alla propagazione del virus a causa della presenza straniera, sia nella stampa sia nell’informazione televisiva. Il 13 per cento dei titoli della stampa sui migranti è situato in una cornice di allarmismo sanitario.

In alcuni servizi e titoli di giornali i migranti sono stati definiti come «infetti» o «untori», soggetti che portano il virus in Italia e poi, complice l’inefficienza del governo nei controlli, lo diffondono in tutte le regioni («Bengalese positivo al Covid fa l’untore in giro per l’Italia»; «Immigrati infetti in fuga per l’Italia»; «Il virus arriva dai barconi di migranti»; «Colpa dei migranti 1 contagio su 4»; «Altra ondata di sbarchi e di infetti»).

Vignetta in cui 5 persone commentano il fenomeno immigrazione con luoghi comuni:  Ci rubano il lavoro!, Aiutiamoli a casa loro!, E' un'invasione!, Portano malattie!, le ONG sono taxi del mare!

Non solo trasmettono il virus ma, in alcuni racconti, possono beneficiare di deroghe al rispetto delle regole, con la conseguente impotenza dei cittadini italiani rispettosi delle limitazioni alla libertà personali («Gli immigrati possono evitare la quarantena», «Prorogate le leggi anti-Covid ma per chi sbarca non valgono»; «I clandestini rifiutano di usare le mascherine»; «Migranti col virus liberi di circolare indisturbati»). Infine, l’associazione esplicita con il costo della migrazione e sulle presunte discriminazioni “al contrario” tra italiani e stranieri («La nave quarantena per migranti può costare 1 milione ogni 15giorni»; «Navi con comfort per migranti in quarantena»; «Test gratis solo ai migranti»; «Ogni immigrato costa 5mila euro al mese per la quarantena»).

Tutte queste narrazioni non solo contravvengono ai principi e alle buone pratiche di copertura della pandemia e della migrazione ma alimentano lo stigma nei confronti di un gruppo specifico di persone, accusato di diffondere il contagio, “fino a spolverare letterarie credenze e dicerie sugli untori” e a legittimare pratiche di discriminazione e di esclusione sociale.

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email

1 commento su “Immigrazione poco visibile nei tg e nei giornali, ma resta il dangerous speech”

  1. Un articolo che non leggeremo

    Forte preoccupazioni negli ambienti politici per il problema dei migranti: in Italia nel 2020 sono morte 746.146 persone, mentre i nuovi nati sono stati solo 404.104
    A fronte d i questo preoccupante saldo negativo sono sbarcari in Italia, nello stesso anno, solo 27.203 migranti
    Un esponente del governo da noi intervistato ci ha dichiarato: “Siamo molto preoccupati per la scarsità del flusso migratorio e per il fenomeno della fuga dei cervelli: la maggior parte dei migranti, infatti, vuole solamente di transitare per l’Italia per cercare collocazioni più qualificate e remunerative nei Paesi del nord. Se consideriamo anche a questo si agginge la fuga dei cervelli nati in italia (128.000 nel 2018)
    i rimanenti immigrati, persone giovani e particolarmente resilienti, portatrici anch’ esse di preziose competenze, sono tenuti troppo a lungo inattivi nei centri di accoglienza e i programmi per un’ alfabetizzazione linguistica, culturale e sociale vanno a rilento.
    E’ necessario un rapido cambio di passo ….i fondi europei saranno una colossale occasione che sfrutteremo per moltiplicare i posti di lavoro, sia per i nostri disoccupati che per chi arriva a ringiovanire il nostro paese”.

    Rispondi

Lascia un commento